Matteo Fieno riceve il Premio Caravaggio, incontra Vittorio Sgarbi e partecipa a prestigiosi eventi artistici

L’artista Matteo Fieno è sempre molto attivo nel panorama artistico attuale. Molti sono gli inviti a prestigiosi eventi ed esposizioni collettive, nonché i premi e riconoscimenti ricevuti in questa prima parte del 2019. Di seguito l’intervista.

D: Di recente hai ricevuto il “Premio Caravaggio”; in quale occasione ti è stato consegnato e con quale motivazione?
R: Mi è stato consegnato alla presentazione della ProBiennale di Venezia 2019. Immagino che mi sia stato riconosciuto il merito di dipingere con uno stile ricercato e originale.

D: A Giugno sarai in mostra collettiva prima a Bassano Del Grappa (Mostra in Villa) e poi a Mantova (Biennale Mantova); quali opere esponi in queste due prestigiose iniziative?
R: A Bassano espongo “Insider” e “Growing up alone” mentre a Mantova sarò in mostra con “Big Jump”. Le prime due opere sono state eseguite in modo molto intimo e personale, in modo da dare una dimensione di vissuto, mentre la terza opera rievoca un preciso attimo fuggente, contraddistinto da un gesto di estrema fisicità, con il fine di dare un’identità accattivante e vincente alla protagonista del quadro.

D: Alla mostra ProBiennale a Venezia hai conosciuto il professor Vittorio Sgarbi; quale impatto hai avuto e come si è espresso commentando le tue opere esposte?
R: Posso dire che l’ho trovato molto cordiale nei miei confronti e le sue parole mi hanno spronato a continuare il mio percorso con ancora più passione e determinazione.

Rispondi