ROSANNA GADDONI CELEBRA L’ARTE NEI SUOI VALORI ASSOLUTI

Così commenta la dottoressa Elena Gollini nel dare risalto alla potente forza vitale delle opere di Rosanna Gaddoni: “Rosanna è da sempre impegnata nella ricerca dei valori assoluti e primari dell’arte con una partecipazione intima e riflessiva verso la realtà umana e il mondo circostante. La sua è una pittura esplorativa, che parte dalla tendenza del figurativo più tradizionale per giungere a una figurazione originale sua propria, ricca, accesa, squillante che trova nel disegno il suo più alto e significativo grado di espressività. Ogni opera è pervasa dal buon gusto compositivo e da una cultura affinata per la ricerca. Rosanna è capace di dare voce propria alla rappresentazione e di rendere parlanti le idee, le emozioni, i pensieri inseriti all’interno del comparto narrativo. Il linguaggio è vitale, ricercato, raffinato, mai fuori misura, mai esagerato. L’impressionismo e il simbolismo si concentrano nei giochi luminosi e negli effetti chiaroscurali di luce e ombra, che completano e ravvivano le immagini. Parte dalla figura per raccontarla lasciando fluire liberamente le percezioni e affidandosi a una comunicazione visiva di coinvolgente impatto. Ci offre una pittura di memoria e di sentimenti con un afflato avvolgente e permeante e una carica profondamente umana“.

Il tratto dominante nella pittura della Gaddoni è costituito dall’originale ed efficace sincretismo tra impulso all’introspezione e approccio evocativo. Insiste sullo scandaglio dentro la figura umana per suggerire tutte le più intime connotazioni distintive e dedica ad esse un’accurata e analitica procedura di scavo. La sua pittura coinvolge le emozioni e le percezioni nelle variegate modalità espressive e mette l’accento sulla valenza sostanziale del contenuto figurale, come protagonista fondamentale e imprescindibile della struttura narrativa d’insieme. Le sue non sono semplici rappresentazioni figurative. In ognuna di esse è inserita la “scannerizzazione” dell’anima con un codice semantico sotteso e subliminale che diventa un potente linguaggio simbolico. La sintesi introspettiva traspare e si erge dominante. Le raffigurazioni riprodotte diventano anime e icone intrise di significati. Le rievocazioni sono mezzi rivelatori di vita vissuta, nell’attimo e nell’istante del “qui e ora”. La Gaddoni stimola il fruitore all’indagine esistenziale, psicologica e riflessiva, con una pittura figurativa della testimonianza. Le vibrazioni del gesto creativo generano un crogiolo di forze dinamiche sferzanti che hanno una vitalità intrinseca e sprigionano tutt’intorno coinvolgenti impulsi vitali.

 

 

Rispondi