SIMONE SCHIAVO “LABRUM”

Biografia di Simone Schiavo “Labrum”

Sin dall’infanzia mi piaceva disegnare, pasticciare con la tempera e plasmare con la plastilina. Con il passare del tempo, il senso di appagamento che provavo nell’esprimere con i colori i miei stati emozionali si è tramutato in una passione sempre più forte. Fu così che mentre ero in Portogallo per lavoro iniziai a trascorrere parte del mio tempo a disegnare figure geometriche.
Dopo essere tornato in Italia, a Biella , la mia città attuale, iniziai ad incentivare in modo significativo questo mio orientamento artistico ed ha contribuito anche il percorso olistico con l’Accademia, intrapreso nel frattempo. Quando iniziai ad esprimere la mia arte, nessuno dava particolare attenzione ai miei quadri, tranne Annabel, una mia cara amica. Il vero appagamento nel dipingere è iniziato quando sono passato ai colori ad olio. La mia Arte ha iniziato ad avere riscontri. Nel frattempo ho iniziato a collaborare con Alessia, esperta nel digitale, che poi mi ha presentato Silvy Bassanese, una gallerista grande appassionata d’ Arte. Silvy Bassanese quando vide i miei dipinti per la prima volta disse che con la mia Arte esprimo un mondo tutto mio, ma che dovevo andare avanti, oltre.
Attualmente le mie opere sono in vendita presso l’ Atelier di Cinzia Zaghi a Biella. Prossimamente parteciperò ad una mostra collettiva nella Galleria di Silvy Bassanese. Sto inoltre partecipando a contest d’Arte online. I miei dipinti sono raccolti nella galleria online visibile sul profilo Instagram Labrum.

 

CONTATTI

 

INTERVISTA ALL’ARTISTA – a cura di Elena Gollini

D: Quanto influiscono nella tua arte le conoscenze nel campo delle discipline olistiche.
R: Ritengo di esprimere la mia arte per mezzo della ghiandola pineale che attivo con la meditazione e con la musica con frequenza 432 hz che è collegata al chakra del cuore, il tutto frutto di percorsi energetici-spirituali precedenti fra cui l’Accademia del risveglio “Omnia” di Darshana Patrizia Tedesco.

D: Un tuo commento di riflessione sul concetto di vocazione artistica.
R: La vocazione artistica per me è strettamente personale: ognuno ha i propri percorsi che nascono inizialmente dalla posizione individuale degli astri al momento della nascita e di conseguenza dai percorsi che vengono intrapresi. Si da infatti il caso che il nome “Labrum” deriva dalla congiunzione di questa stella fissa alla mia Venere ed al mio Giove di nascita.

D: Quali progetti creativi stai portando avanti in questo anno?
R: Tendenzialmente non faccio progetti, vivo il presente, penso sia il modo migliore per vivere correttamente e intensamente la vita.

 

PHOTOGALLERY

 

Condividi