LUIGI PERONE

Biografia di Luigi Perone

Mi chiamo Luigi Perone e sono un pittore/disegnatore autodidatta. I soggetti che più preferisco rappresentare sono volti e corpi, con particolare attenzione a quelli femminili. I materiali che utilizzo sono principalmente grafite, pastelli, carboncini, acquerelli e acrilici sia su carta che su tela. Non avendo ancora partecipato a mostre fisiche condivido le mie opere attraverso i social network.

 

LEGGI IL TESTO CRITICO A CURA DELLA DOTT.SSA ELENA GOLLINI

 

CONTATTI

 

INTERVISTA ALL’ARTISTA – a cura di Elena Gollini

D: Come definiresti il tuo stile espressivo usando 3 parole chiave?
R: Mi piace definire il mio stile espressivo contemporaneamente “grezzo” e “raffinato”. La parola “grezzo” è legata al modo in cui lavoro fisicamente con i materiali, per cui, non avendo una preparazione accademica, lavoro sulle varie tecniche in maniera istintiva e personale. Il termine “raffinato” invece riguarda la resa estetica che cerco di dare alle mie opere, sia attraverso la scelta dei soggetti sia conferendo profondità tramite le sfumature e i chiaroscuri. In conclusione potrei dire che i miei lavori sono “diretti” nel senso che essi sono volti a suscitare un’ emozione nell’osservatore semplicemente attraverso la bellezza e l’impatto visivo delle forme.

D: Una tua riflessione sul concetto di ispirazione creativa.
R: Per me l’ispirazione creativa è più una necessità, un qualcosa di cui da circa sei anni non riesco a fare a meno, un bisogno viscerale di ritrarre, sia in maniera più veloce e istintiva utilizzando uno sketchbook che in modo più ragionato, magari lavorando su tela a casa mia. In questi anni non ho mai smesso di cimentarmi e di evolvere, tanto nello stile quanto nella tecnica, e, parlando di ispirazione, nulla è stato tanto utile per me quanto i social network, condividendo le mie opere, commentando quelle altrui, seguendo altri artisti e scambiando messaggi e opinioni con essi. Inoltre proprio attraverso il social network di Instagram spesso scopro modelli\e e fotografi che attraverso la loro arte influenzano la mia e, personalmente, trovo tutto questo processo estremamente stimolante.

D: Come stai improntando la tua ricerca artistica in questo anno?
R: La mia ricerca artistica quest’anno è improntata al miglioramento della mia tecnica pittorica attraverso l’utilizzo degli acrilici, in particolar modo mi sto concentrando nel dipingere su superfici sempre maggiori, questo perché le tele più mi danno la possibilità creare opere più dettagliate e visivamente più accattivanti.

 

PHOTOGALLERY

 

Condividi