MARIA BARISANI

Biografia di Maria Barisani

Nata a Torino il 02/09/1964, Maria Michela Barisani studia presso l’Istituto Magistrale D.Berti e attualmente lavora come insegnante presso la scuola dell’Infanzia “Ada Gobetti“ di Alpignano. Il disegno è sempre stato una sua passione, che però, per varie vicissitudini, al termine degli studi scolastici non ha più coltivato. Ricomincia a disegnare a grafite e a dipingere a pastello all’età di 50 anni, preferibilmente ritratti di donne, bambini ed animali con particolare attenzione agli atteggiamenti, agli sguardi e alle espressioni dei volti, che comunicano lo stato d’animo dei soggetti.

 

LEGGI LA RECENSIONE CRITICA – a cura della Dott.ssa Elena Gollini

 

 

Corsi seguiti:

  • In previsione un corso online in ritratto fotorealistico con il maestro Cico de Guzman;
  • 2019 – Workshop di pastello secco con l’artista Laura Raduazzo;
  • 2016 – Workshop di ritratto a grafite su carta bianca con l’Artista Alessandra Pagliuca;
  • 2015 – Workshop di tre giorni sul ritratto a pastello col maestro Luca Tedde;
  • 2014 – Workshop di ritratto a grafite su carta grigia col Maestro Luca Tedde;
  • Si tiene sempre aggiornata seguendo tutorial di altri artisti pastellisti.

 

Partecipazione a Mostre:

  • 26 giugno-6 luglio 2020 – Partecipazione alla mostra collettiva “L’Arte come Rappresentazione di ideali Irraggiungibili” a Roma, presso la galleria “La Pigna” nel Palazzo Maffei Marescotti, promossa dall’Associazione Socio-culturale “Napoli Nostra”;
  • Febbraio 2020 – Partecipazione all’esposizione di arte contemporanea “Soffitti di Cristallo” promossa da DivulgartiCad presso il Palazzo Saluzzo dei Rolli a Genova;
  • 12-18 Settembre 2020 – Selezione e partecipazione come candidata al Premio Guglielmo II presso  Monreale;
  • Luglio/Agosto 2020 – Opera pubblicata sulla pagina di ARTNOW;
  • Inserita nel VI volume della collana editoriale “Tra tradizione e innovazione” archiviata presso la Biblioteca Thomas J. Watson del Metropolitan Museum di New York;
  • 5-14 settembre 2020 – Partecipazione alla mostra collettiva “Capri dove tutto è arte e poesia” ad Anacapri presso il centro multimediale Mario Cacace “Eden Paradiso”;
  • 21-24 ottobre 2020 – Selezione e partecipazione  al premio “Pitturiamo a New York “ organizzata da Pitturiamo, con inserimento dell’opera selezionata nel catalogo ArtNow di settembre/ottobre;
  • Selezionata dalla galleria Area Contesa Arte per partecipare alla mostra “Il bacio” con l’opera “Maternità”;
  • 17-31 ottobre 2020 – Selezionata per partecipare alla mostra collettiva “MumArt” presso il museo Michetti a Francavilla al Mare.

 

CONTATTI

 

INTERVISTA ALL’ARTISTA – a cura di Elena Gollini

D: Come definiresti il tuo stile espressivo usando tre parole chiave e motivandole;
R: Tradizionale perché mi rifaccio alla pittura figurativa tradizionale cercando di trasferire il soggetto sulla tela così come mi appare alla vista.
Sentimentale perché cerco attraverso gli sguardi, le movenze e gli atteggiamenti dei soggetti di mettere in evidenza i sentimenti che esprimono, cercando di creare una sorta di empatia con chi osserva l’opera.
Sociale perché il mio interesse è rivolto verso le persone più “fragili” della società: donne, bambini e anziani.

D: Una tua riflessione sul concetto di ispirazione creativa
R: L’ispirazione creativa è un impulso a creare impellente, che ti può essere suscitato dal qualsiasi tipo di input: un fatto di cronaca, un fatto personale un’ immagine, una poesia,… Una necessità che ti urge di mettere su tela come se il passare del tempo potesse farla sparire in qualche modo. E ti senti appagato e a volte anche stupito, solo quando la vedi realizzata.

D: Come stai improntando la ricerca artistica quest’anno?
R: Sto cercando ispirazione nei lavori degli artisti che nei ritratti introducono colori forti, diversi dal mio modo di dipingere tradizionale e mi sto orientando a ritrarre non più solo i volti, ma figure intere in atteggiamenti per me particolarmente significativi.

 

PHOTOGALLERY

 

Condividi